Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

martedì 22 settembre 2015

Mi Dispiace Ma Ti Vedo Solo Come un Amico. Come Non Finire nella “Zona Amicizia”

Più o meno a tutti è capitato almeno una volta nella vita di tentare in tutti i modi di stringere amicizia con una donna sperando che poi quella relazione potesse trasformarsi in qualcosa di più. Niente di più sbagliato: se ti classifichi sin dall’inizio come amico, perché mai lei dovrebbe vederti come possibile partner?
Se per mesi o, peggio, anni, ti comporti con lei da amichetto gentile e servizievole e poi improvvisamente cambi atteggiamento e ti dichiari, lei si troverà spiazzata e ti rifiuterà. Lo farà con garbo naturalmente, facendoti tanti complimenti sul tuo bel carattere: ti dirà che ti stima e ti apprezza tantissimo, mettendo ben in chiaro, però, che ai suoi occhi sei e sarai sempre e solo un amico. Questo non potrà che generare in te un senso di profonda frustrazione. Per evitare che il tuo tentativo di far breccia nel suo cuore finisca per confinarti nella cosiddetta “friendzone”, vediamo quali sono i motivi che portano a tale insuccesso.

Se ti piace essere il suo "zerbino" accomodati pure ma scordati di sedurla

A differenza di quanto tu possa pensare, non è dispensando favori ed elargendo sorrisi che si conquista una donna. Barattare gentilezze in cambio di un po’ di tempo insieme ti farà apparire come il cagnolino fedele sempre pronto a correre in suo aiuto: lei si sentirà corteggiata e ricoperta di attenzioni, saprà di avere sempre qualcuno disposto a farle da tassista a qualsiasi ora del giorno e della notte, ad ascoltare per ore i suoi noiosissimi monologhi, a portarle a casa le buste della spesa più pesanti, ad accompagnarla nei luoghi più noiosi, a consolarla quando il suo ex non le risponde al cellulare, a girare tutti i centri commerciali in cerca di quell’oggetto introvabile che tanto desidera. Situazione magnifica per lei, non credi? E per di più senza alcuno sforzo da parte sua. Perché mai dovrebbe rinunciarvi? Non fraintendere le sue chiamate, i suoi abbracci e le sue parole dolci per dei segnali di interesse nei tuoi confronti. Averti al suo fianco le fa certamente piacere, ma farle da cavalier servente e da confidente non genera in lei alcuna attrazione.

Se ti lanci alla conquista della tua bella senza conoscere le regole basilari che governano le dinamiche dell’attrazione, per quanto impegno tu ci metta, continuerai a collezionare insuccessi. Ecco qualche consiglio per dirigere nella giusta direzione la vostra conoscenza:

1) devi riuscire a colpirla sin dal primo incontro perché per una donna è la prima impressione quella che conta: le bastano pochi minuti per catalogarti come uomo sessualmente appetibile o come semplice amico;

2) per fare in modo che lei ti trovi attraente, sfrutta il meccanismo della preselezione femminile facendoti vedere da lei in compagnia di altre donne che pendono dalle tue labbra (per approfondire questo argomento leggi il mio articolo “La preselezione femminile”);

3) non cercare la sua approvazione: fa che sia lei a cercare la tua;

4) evita atteggiamenti troppo autoironici e scherzosi: devi conquistarla, non giocare a carte con lei;

5) non mostrarti troppo disponibile: un eccesso di apertura verso l’altro non è mai un attivatore erotico e seduttivo;

6) mostrati subito interessato cercando il suo sguardo e tentando un’escalation del contatto fisico: prima sfiorala quasi accidentalmente, poi con tocchi meno discreti e più decisi, in modo da arrivare in maniera naturale al bacio (per approfondire questo argomento leggi il mio articolo “L’importanza del contatto fisico nella seduzione”);

7) genera tensione nel vostro rapporto, non accondiscendere ad ogni suo desiderio e non fare tutto quello che si aspetta o ti renderai immediatamente scontato e noioso;

8) stabilisci un legame emotivo con lei mantenendo sempre un aura di mistero attorno alla sua persona: questo ti farà sembrare inevitabilmente più attraente;

9) poniti come uomo consapevole del suo fascino, che sa quello che vuole e non ha paura di comunicarlo, anche solo con lo sguardo;

10) tenta di sedurla facendo scattare in lei la scintilla della passione ma non mostrarti mai presuntuoso e arrogante: le donne vogliono rispetto!

Se ti atterrai a queste semplici regole, non ti sentirai mai più ripetere la tanto odiata frase: “Mi dispiace, per me sei solo un amico”. Restare intrappolato nella friendzone per te sarà solo un vecchio ricordo!

E per non perdere nemmeno un prezioso articolo iscriviti alla Newsletter è gratis e soprattutto è facile.


Nessun commento:

Posta un commento